La lavorazione delle lamiere richiede la conoscenza di tecniche e dettagli fondamentali, ma anche l’uso di macchine utensili apposite. Questi macchinari devono essere tenuti sempre sotto controllo e rispettare determinati protocolli di sicurezza, proprio come indicano le relative normative. Conoscere queste ultime è necessario: è ciò che consente di tutelare gli operatori e di ottenere sempre dei validi risultati da un punto di vista della produzione.

La Direttiva 2006/42/CE riguardante le macchine utensili

Tra le norme CE da rispettare nel mondo della carpenteria metallica c’è una direttiva che riguarda proprio le macchine utensili usate per la lavorazione delle lamiere. La Direttiva Macchine 2006/42/CE del 17 maggio 2006, chiamata anche “nuova direttiva macchine”, è diventata valida in Italia grazie al Decreto Legislativo n. 17 del 27 gennaio 2010. Questa direttiva è andata a sostituire la 98/37/CE del Parlamento europeo (del 23/07/1998), conosciuta più semplicemente come “direttiva macchine”.

Le normative in questione dicono che ogni macchinario per la lavorazione della lamiera deve avere, fin dall’acquisto, il Marchio CE e il Fascicolo Tecnico della Costruzione (FTC). Quest’ultimo serve per attestarne la conformità in termini di funzionamento ma anche di progettazione. Ogni macchina utensile deve essere inoltre provvista della Dichiarazione CE di conformità, che conterrà una lista dei requisiti essenziali di sicurezza, e del manuale d’uso e per la manutenzione.

La normativa afferma altresì che ogni macchinario deve essere accompagnato da una marcatura con il numero di serie e anno di costruzione. Le caratteristiche e specifiche tecniche devono essere sempre ben chiare, così come il nome e l’indirizzo della sede del produttore. La direttiva riguarda tutte le macchine utensili fisse, mobili, trasportabili, di sollevamento, i relativi componenti di sicurezza e i sistemi similari (utili sempre per la lavorazione delle lamiere). Puoi trovare la Direttiva Macchine 2006/42/CE in versione integrale direttamente QUI.

lavorazione delle lamiere attraverso specifiche macchine utensili

Le norme di sicurezza riguardanti le macchine per il taglio laser

Per quanto concerne il taglio laser è possibile fare riferimento alla direttiva CEI EN 60825-1. Quest’ultima indica quali sono i danni da esposizione alle radiazioni e dice come comportarsi per tutelare al meglio gli operatori. All’interno di questa direttiva sono presenti le migliori procedure per la protezione dei lavoratori durante l’uso di macchine che emettono radiazioni laser di una lunghezza d’onda compresa tra 180 nm e 1 mm. Anche questa è una normativa da conoscere quando si opera nell’ambito della lavorazione delle lamiere e nel campo della carpenteria metallica.

La formazione che ti aiuta nella lavorazione delle lamiere

Per conoscere meglio le macchine utensili, le normative, le tipologie di lamiere e le tecniche di lavorazione delle lamiere, quello che ti serve è sicuramente la formazione giusta. Su Carpentiere Vincente potrai trovare tante informazioni, risorse gratuite e un corso di formazione online. Quest’ultimo è l’ideale per chi vuole farsi strada nel mondo della carpenteria e della lavorazione della lamiera.

La scuola di Carpentiere Vincente è quello che ti serve per accrescere le tue conoscenze e abilità. Richiedici maggiori informazioni e/o una consulenza tecnica specializzata sulla lavorazione delle lamiere e non solo. Ti aspettiamo!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *